Archivi categoria: il SAN MARCO nella STORIA

Il LEONE di SAN MARCO nello Scudetto Reggimentale del 332° Reggimento Fanteria americano

Durante l’occupazione Alleata della Venezia Giulia, alla fine della Seconda Guerra mondiale, il Quartier Generale della 88ª Divisione di Fanteria “Blue Devils” aveva sede in Gorizia. Uno degli ufficiali U.S.A. del Comando di Divisione con responsabilità logistiche civili e militari, era il Tenente Colonnello Ralph R. Klinger, che nel novembre1918 con il grado di Capitano aveva raggiunto ed occupato la città di Cormòns con la propria Compagnia “K” del 332° Reggimento, ed era stato poi alloggiato nell’edificio della Scuola. In seguito egli venne assegnato ai reparti trasferiti nelle zone occupate contese fra Italia e Regno S.H.S., non rientrando poi negli Stati Uniti assieme al proprio Reggimento, ma rimanendo in Europa a disposizione della Commissione Interalleata di Pace […per continuare a leggere l’articolo clocca QUI ]

articolo di Selvino Ceschia

VIA   http://www.isonzo-gruppodiricercastorica.it

Si ringrazia il Sig.re  Luigi  Trevisan per il materiale, per il  supporto

e  la dedizione dimostrataci

Annunci

REGGIMENTO MARINA – Medaglia d’argento al Valor Militare

“Arresto` a Cortellazzo l’avanzata nemica e si affermo` su una testa di ponte che tenne saldamente per otto mesi, ampliandola con ardite azioni dirette a logorare la resistenza dell’avversario; concorse con fulgido valore e generosi sacrifici di sangue alle ulteriori operazioni per la liberazione del suolo della Patria”

Delta del piave, dicembre 1917- luglio 1918

R.D. 5 giugno 1920.

Per Mare, Per Terram nella storia

Nel 1915 il  Reggimento Marina, che con il Raggruppamento Artiglieria formava la Brigata Marina, combatté duramente lungo il campo trincerato di Venezia, sul Piave e sul Sile.

Gli scontri durarono molti mesi, ‘per Mare per Terram’, ma Venezia fu salvata. Nell’arco di soli due anni, tra il 1917 e il 1918, il Reggimento Marina paga un altissimo tributo di sangue: 384 morti e più di 1.500 tra feriti e mutilati .

Fu allora che i veneziani chiesero al Ministero della Marina che la Brigata si chiamasse San Marco, Patrono della città e assumesse il simbolo del Leone alato.