Archivi tag: nave

Dedicato ai Nostri bimbi da l’ ALBERO AZZURRO “Ma, lo sai anche tu…”

 
La nave percorreva il grande mare
andava andava ormai da più di un mese
e non finiva mai di navigare
diretta ad un esotico paese.


E dieci violentissime tempeste
avevano deviato la sua rotta
conciando le sue vele per le feste
e costringendo gli uomini alla lotta.


E infine si allagò l’intera stiva
per l’acqua che affluiva da una falla
lo scafo quasi andava alla deriva
però fu riparato e stette a galla.


Ma, lo sai anche tu…
che ci sarà terra dopo tanto mare,
che dopo l’acquazzone è azzurro il cielo,
che dopo la luna sarà il sole a brillare,
che sbocciano i fiori dopo il freddo gelo, sì
lo sai anche tu!


Per tutti quei difficili imprevisti
quei bravi e laboriosi marinai
piuttosto scoraggiati, stanchi e tristi
strillarono: Qui non si arriva mai!


Perdincibacco! – disse il Capitano –
Ho proprio un lagnosissimo equipaggio.
Guardate come vola quel gabbiano,
è stanco ma non perde mai il coraggio!


E gli uomini capita la lezione
ripresero il lavoro sopra il ponte.
Poi un giovane seduto lì al timone
si alzò gridando: Terra all’orizzonte!


Ma, lo sai anche tu…
che ci sarà terra dopo tanto mare,
che dopo l’acquazzone è azzurro il cielo,
che dopo la luna sarà il sole a brillare,
che sbocciano i fiori dopo il freddo gelo, sì
lo sai anche tu!







 

Preghiera del Marinaio

 
 
A Te, o grande eterno Iddio,
Signore del cielo e dell’abisso,
cui obbediscono i venti e le onde, noi,
uomini di mare e di guerra, Ufficiali e Marinai d’Italia,
da  questa sacra nave armata dalla Patria leviamo i cuori.
Salva ed esalta, nella Tua fede, o gran Dio, la nostra Nazione.
Dà giusta gloria e potenza alla  nostra bandiera,
comanda che la tempesta ed i flutti servano a lei;
poni sul nemico il terrore di lei;
fa che per sempre la cingano in difesa petti di ferro,
più forti del ferro che cinge questa nave,
a lei per sempre dona vittoria.
Benedici , o Signore, le nostre case lontane, le care genti.
Benedici nella cadente notte il riposo del popolo,
benedici noi che, per esso, vegliamo in armi sul mare.
Benedici!